L’Associazione A.I.D.E. Montescaglioso dedica una giornata all’emigrazione

Un viaggio nella storia, un abbraccio ideale, un ridare valore , orgoglio e merito ai tanti montesi che dal 1876 sono emigrati nelle Americhe e in Europa. E’ stato questo il senso dell’iniziativa dell’associazione A.I.D.E. Montescaglioso (Assoc. Indipendente Donne Europee) tenutasi nella serata del 12 agosto nel chiostro dell’abbazia Benedettina di San Michele Arcangelo in collaborazione con il Comune di Montescaglioso.‘‘Emigrazione Ieri – Oggi’’ il titolo dell’evento che ha visto protagonista la scrittrice americana Joanna Clapps Herman autrice del libro di memorie ‘’The Anarchist Bastard’’ .Ad introdurre il pubblico nel tema della serata, la proiezione di un video il cui testo era una relazione dell’ Ispettorato per l’ Immigrazione al Congresso Americano del 1912 gentilmente interpretato da Anna Panico.
Maria Andriulli, presidente dell’associazione A.I.D.E. Montescaglioso, nel suo intervento di apertura ha illustrato il fine dell’ iniziativa e come sia nata l’idea. L’occasione, infatti, è stata una intervista alla scrittrice Joanna Clapps Herman pubblicata sulla testata giornalistica online Suditaliavideo a cura di Ilenia Litturi di Vicenza. Un filo, ha legato, così la Basilicata e il Veneto, due tra le regioni d’Italia più colpite dal fenomeno dell’emigrazione.
Il professor Cristoforo Magistro, studioso di emigrazione italiana e lucana, ha fatto un excursus storico sul fenomeno. Ha ripercorso attraverso nomi, fotografie, documenti ed eventi storici l’emigrazione, fornendo un quadro e un’analisi completa dalle motivazioni storico-ambientali fino alle condizioni e ai momenti di vita quotidiana dei nostri emigranti soprattutto nelle Americhe.La sociologa Dora Sulla si è soffermata invece sul tema dell’emigrazione oggi, riportando dati che hanno evidenziato come la Basilicata sia ancora una terra di emigranti e di come invece l’Italia sia diventata un paese di immigrati.La serata è entrata nel vivo con la presentazione del libro ‘’The Anarchist Bastard’’ a cura dell’antropologa Dorothy Zinn. Il libro di memorie mette a nudo la famiglia lucana originaria di Avigliano e Tolve emigrata nel Connecticut, una famiglia che porta con se i valori, le tradizioni, gli usi e i costumi dell’Italia del sud. Il racconto, dice la Zinn Memorie di una vita vissuta a volte con sofferenza e contraddizione ma sicuramente con la consapevolezza dei valori in essa contenuti a cui oggi la scrittrice guarda in modo diverso.
La sorella della scrittrice, Lucia Mudd ha letto invece la prefazione di un racconto di Antonio Costabile appartenente alla famiglia Clapps-Becce.A concludere la serata un viaggio nei ricordi di alcuni emigranti montesi. Le testimonianze raccolte nel doc-film realizzato da Sud Italia Video dal titolo ‘’E come Emigrazione’’ – I montesi si raccontano – sono una anticipazione di un lavoro di recupero della memoria sull’emigrazione iniziato da Sud Italia Video e che sarà presentato nella prossima edizione della manifestazione a cura dell’ass. A.I.D.E. Montescaglioso. Molti sono stati di emigranti montesi che hanno potuto seguire la serata attraverso la diretta internet realizzata da Sud Italia Video.Un omaggio, a concluso Maria Andriulli, a quanti coraggiosamente hanno subito il ‘’distacco violento’’ dalla propria terra di origine, un pensiero doveroso per quanti con il loro sacrificio hanno permesso la crescita socio-economica della nostra terra , un abbraccio a quanti oggi vivono una vita a metà in una terra lontana e che cercano in tutti i modi di tenere teso il filo che li legherà per sempre a Montescaglioso.
Montescaglioso, 13 agosto 2011
Maria Andriulli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *